Numero Verde Gratuito
800 681464
Tecniche di Integrazione Psicofisica

Teoria e fondamenti dell'approccio Trager

A cura di Dante Marchini

  1. Teoria e fondamenti dell'approccio Trager
  2. Approccio trager: una sessione tipo
  3. Indicazioni per un approccio Trager
  4. La formazione degli educatori Trager

L'approccio Trager è un principio di ri-educazione al movimento concepito e sviluppato dal Dottor Milton Trager (1908-1997). Parte dalla considerazione che i disturbi e i dolori fisici hanno origine nella mente: attraverso il sistema nervoso e i sistemi di comunicazione neuro-chimici la mente mantiene i muscoli in posizioni permanentemente contratte e infiammate.

Un aneddoto, famosissimo, potrà chiarire meglio. Il Dottor Trager incontrò un giorno, in un ospedale militare del Pacifico, un uomo di settantacinque anni che si apprestava a subire un intervento chirurgico all'addome. Quest'uomo era così contratto e rigido che, per voltarsi, doveva girare tutto il corpo. Più tardi però, durante l'anestesia, i suoi arti erano diventati così sciolti che il personale dovette legarlo al tavolo per poter eseguire l'intervento. Milton Trager osservò poi che, man mano che il paziente riemergeva dall'anestesia, il suo corpo riprendeva la sua corazza. Capì dunque che è la mente a memorizzare gli schemi di rigidità. Ed è questa che va sbloccata per liberare il corpo.

L' Approccio Trager è costituito da una parte di manovre non invasive e mai dolorose effettuate sulla persona e da movimenti che la persona stessa esegue per sciogliere aree di blocco presenti in profondità nella sua struttura psichica e fisiologica, denominata "Mentastica". Nel momento in cui i blocchi sono rimossi, essa è più libera nei movimenti e disturbi e dolori possono scomparire.

Rieduca il sistema nervoso a fare uso di schemi di movimento e di postura più rilassati e meno dolorosi. Con l'impiego di tecniche consolidate e consapevolezza intuitiva l'educatore Trager comunica con l'inconscio della persona che riceve il trattamento: il contatto è un suggerimento di libertà di movimento, sollievo dal dolore, consapevolezza del proprio fisico, osservazione interiore e, infine, gioia e piacere.

Il lavoro Trager va oltre la mente conscia per apportare cambiamenti duraturi. Viene eseguito in uno stato che è denominato di "hook-up" (connessione): è uno stato meditativo profondo in cui l'educatore si mette in stato di equilibrio in se stesso e di "ascolto" della persona con cui lavora.

 

Continua a leggere..."Approccio Trager: una sessione tipo"

Dante Marchini

Master in Programmazione Neurolinguistica e Istruttore Trager, membro del Comitato di Formazione del Trager International.

Vuoi diventare un autore di Erba Sacra?

Sei un esperto o uno studioso di materie spirituali, naturopatiche, esoteriche, psicologiche, creative che si richiamano a una visione olistica dell’esistenza? Condividi motivazioni e obiettivi di Erba Sacra? Se vuoi proporre articoli o pubblicare un tuo ebook, contattaci