Numero Verde Gratuito
800 681464
Ceramica

Importanza della manipolazione per lo sviluppo psicomotorio del bambino

A cura di Elettra Cipriani

Lo sviluppo dei sensi in ogni organismo inizia con il tatto, l'udito e la vista infatti si formano solo quando l'organismo si perfeziona. Attraverso le attività tattili i bambini esplorano il mondo circostante e imparano a riconoscere le proprietà fisiche delle cose; affinano in tal modo le abilità motorie indispensabili per un equilibrato sviluppo psicomotorio: processi di coordinazione oculo-manuale, lateralizzazione e abilità relative al conoscere, quali i processi di trasformazione dei materiali (la creta che si asciuga) e le loro specifiche proprietà (elasticità, peso, calore).

La psicomotricità è parte essenziale nello studio dell'età evolutiva e trova costante rapporto con i fenomeni dello sviluppo mentale. Infatti lo sviluppo motorio facilita lo sviluppo mentale, consentendo un'enorme estensione del campo di ricerca e di esperienza. La progressiva acquisizione delle capacità intellettive viene d'altro canto continuamente impiegata a perfezionare la migliore utilizzazione delle capacità motorie.

Lo sviluppo della manualità quindi è il centro da cui si diparte tutto lo sviluppo psicofisico dell'individuo, sviluppo regolato dalla cosiddetta legge di associazione psicomotoria, secondo la quale "un bambino che dopo i 3 anni presenta un livello ipoevoluto di psicomotricità è candidato non soltanto alla debilità motrice, ma anche a difetti intellettivi e caratteriologici, mentre un bambino che a 3 anni presenta una normale evoluzione psicomotoria lascia presumere un normale sviluppo mentale".

Se si osservano i fanciulli durante i momenti dedicati alle attività di manipolazione, si noterà che essi esternano attraverso il linguaggio le esperienze che compiono, le emozioni che provano. Talvolta il loro raccontare è rivolto a se stessi, appartiene ad una sfera fantastica tutta individuale ed il manipolare diviene un mezzo per immaginare situazioni e per dare significati diversi al materiale adoperato.

Si capisce perciò che l'uso della fantasia e dell'immaginazione ha un risvolto terapeutico, nel senso che esse consentono una fuga dalla realtà, in situazioni difficili. Questo non significa estranearsi dalla realtà, ma avere degli ambiti, degli spazi mentali e psicologici dove è possibile rassicurarsi e in cui si entra, ma da cui si può uscire in qualsiasi momento.

Spesso, quando il ragazzo riesce ad entrare profondamente nell'attività, ne esce felice e gratificato anche se il suo lavoro non assume una forma definita. Per questo è importante che nelle attività manipolative non venga data molta importanza al prodotto, ma ai processi creativi e immaginativi che il materiale stimola.

 

Ogni aspetto della materia è illustrato nei seminari e nei corsi organizzati nelle sedi dei nostri Gruppi Territoriali (clicca su "Le nostre iniziative"); sarò anche lieta di discuterne con chiunque voglia utilizzare lo strumento della "Consulenza gratuita".

Elettra Cipriani

E' uno dei rappresentanti dei "maestri d'arte" dell'artigianato italiano alla mostra "Alla scoperta dell'Italia" a New York

Vuoi diventare un autore di Erba Sacra?

Sei un esperto o uno studioso di materie spirituali, naturopatiche, esoteriche, psicologiche, creative che si richiamano a una visione olistica dell’esistenza? Condividi motivazioni e obiettivi di Erba Sacra? Se vuoi proporre articoli o pubblicare un tuo ebook, contattaci