Numero Verde Gratuito
800 681464
Danza

Cenni storici della salsa

A cura di Yuliana Arbelaez Cardona

Che Cos'è la Salsa?

Con il termine "Salsa" vengono denominati vari ritmi, soprattutto caraibici, popolari nell' America latina. L'antenato della salsa è il Son cubano che combina sia influenze europee che africane.

Negli anni '70 si svilupparono diverse forme musicali. In termini generali si possono classificare come la Salsa della Costa dell'Est, la musica cubana post rivoluzionaria (che include la musica ballabile, il jazz e la Timba), il Jazz e la fusione latina (incluso il Rock latino).
Ciò che non va dimenticato quando si parla di Salsa o degli altri ritmi afrocaraibici, è che tutti questi ritmi sono fatti per ballare.
Soprattutto per i cubani, la musica e il ballo hanno sempre rivestito un ruolo importante nella società e durante la metà del XIX secolo si consolidarono i generi musicali provenienti sia dall'Africa che dall'Europa.

In questo stesso periodo, per l'egemonia esercitata dal Valzer e dalla Polca, il ballo si consolidò come stile diffuso nei saloni. Cuba entra nel XX secolo ballando il Danzón, creato all' Havana.
Questo ballo, una volta diventato pesante e monotono, fu reso più allegro e movimentato. Successivamente, agli inizi degli anni '30, arrivò il Son orientale. Dopo esser stato ballato molto, ci fu l'esigenza di creare nuovi ritmi: arrivò così il Mambo negli anni `40, il Cha-Cha-Cha nei `50, lil pachanga nei '60, il Songo negli `80 fino ad arrivare agli anni '90 con la Timba .
La salsa, ritmo il cui principale merito è di essere riuscito ad infrangere le barriere razziali, a dare voce e identità alle minoranze latine emarginate cancellando i confini tra i paesi latino americani.

Storia della Salsa

Negli anni ’60, una marea di ritmi di origine cubana si fusero con il Jazz. Izzy Sanabria, disegnatore grafico negli studi di Fania, diede a tutti un'unica denominazione per evitare confusione e per vendere il concetto più facilmente. Scelse Salsa, termine con il quale si animavano le band per aumentare la loro energia. La musica Salsa ha una struttura determinata: introduzione, fase melodica, fase ritmica o di percussione chiamata montuno, volta alla fase melodica e finale. Le esclamazioni si usano per annunciare i cambi di fase, specialmente nel montuno, che è la sezione con maggior energia ritmica.

Antecedenti della salsa a Cuba

rancia, Spagna e le colonie americane: un antico antecedente della Salsa è la Contradanse ballata a Versalles, che passò alla corte spagnola e da lì ai Caraibi, durante la colonizzazione, con il nome di "Contradanza". La Contradanse arrivò ad Haiti e la Contradanza a La Havana.
Il ritmo africano, che gli schiavi usavano durante i riti religiosi, costituisce un altro fattore fondamentale all'origine della Salsa. Questa preservazione fu possibile grazie alla similarità delle divinità, gli Orishas e i Santi cattolici.
Nella costituzione dei ritmi della Salsa appare fondamentale l'immigrazione proveniente da Haiti a Cuba. Una prima ondata introdusse la Contradanza creola. La seconda ondata di immigrati, proveniente dalla Repubblica di Haiti, arrivò nella metà del XIX secolo e contribuì alla nascita del Son cubano.

Il modo di ballare la Salsa, varia di molto in base al luogo d´origine in cui si è imparata; Ad esempio, la Salsa dei Caraibi e dei Paesi Latinoamericani si sviluppa come un paseo, che è un movimento molto circolare e lento. In questi stili rientrano anche quello cubano, con un movimento che si abbassa più verso il suolo, e quello colombiano con un contatto più leggero; negli Stati Uniti, il ballo ha come fondamento il passo base latino, oltre a combinazioni di giri verso destra.

Per ballare la Salsa nella sua forma più elementare, si seguono le quattro battute della musica, ma si fanno tre passi, ognuno della stessa durata della battuta. Il restante si può incorporare al precedente (il risultato è una conta rapido-rapido-lento) o si aggiunge un movimento di ornamento.
I passi possono esser fatti muovendosi o rimanendo sul posto, un po' come fare tre passi alla volta camminando e facendo una pausa in mezzo. Se si cammina in questo modo a ritmo di musica si sta ballando la Salsa.

Rueda de Casino

A Cuba, la Salsa è conosciuta con il nome di Casino, e da qui il nome Rueda de Casino, un ballo che prevede varie coppie che, guidate da un leader, eseguono figure e scambi di compagno. La sua origine è la Contradanza francese, che nel XVIII secolo era di moda e molto apprezzata a Cuba.

Per poter ballare la Rueda de Casino servono per lo meno due coppie, il numero può arrivare fino a venti o trenta e gli uomini conoscono i movimenti che il leader deciderà. Affinchè il ballo riesca bene, non è necessario eseguire figure complicate. Il leader, con grazia e creatività, guiderà i movimenti rendendo la Rueda un'esperienza piccante, allegra e dinamica.

Questo modo di ballare la Salsa ha un aspetto competitivo che la rende molto interessante. Il leader, soprattutto se ci sono molte coppie, darà indicazioni sulle figure anche un po' confuse. Le coppie devono rispondere ballando nel modo più vicino possibile a tali indicazioni, pena l'uscita dal ballo.

La Rueda è una forma di ballo del Barrio (i distretti), dove ognuno ha un proprio "leader", con proprie figure e movimenti. A Cuba, nei giorni di festa, vi è l´abitudine di ballare la Rueda e vincerá colui che metterá in pratica i movimenti piú fluidi e piú interessanti.

Il nome corretto in spagnolo è Rueda de Casino, mentre "Casino Rueda" è la versione inglese del termine dovuto al fatto che la struttura grammaticale della lingua inglese è un pò diversa da quella spagnola. Rueda de Casino cominciò a metà del XX secolo ed è la radice di ciò che si balla oggigiorno a Miami e in tutto il mondo. A Cuba la gente solitamente si riunisce in locali chiamati "Casinos", e da ciò infatti deriva il suo nome. Alcuni dicono che le prime ruede presero inizio a Santiago de Cuba, altri dicono dal famoso Casino Deportivo dell'Avana o dal Casino de la Playa, ma questo non è possibile stabilirlo con certezza. Quando i "casini" si chiusero, tuttavia la gente continuò a ballare questo stile facendo riferimento, nel nome, ai locali originari dove si riuniva per ballarlo. "Casino" è il nome che rimase. La gente si riferisce oggigiorno alla musica come "Salsa" e al ballo come "Casino". Il Casino mantiene le basi del Danzòn, così come del Son da cui questo deriva, balli Afro-Cubani come anche il Guaguancò, il Mambo (un ritmo inventato per Cachao nel club famoso a livello mondiale "La Tropicana" dell'Avana nel 1943 e diffuso da Pérez Prado in Mexico) e il Cha-Cha-Chá (inventato da Enrique Jorrìn).

Tembleque e Despelote sono due termini di uso corrente in Cuba per indicare dei movimenti che ogni ballerina cubana conosce e applica naturalmente per ballare salsa (Timba in particolare). E' un dato di fatto che molti ragazzi/e cubani/e adottino un modo di ballare salsa che da noi in Italia è poco diffuso, ossia quello di muoversi in coppia staccata, usando una forte componente di movimenti corporei, fra cui la fanno da padrone questi due generi appunto. Al genere Tembleque appartengono i movimenti di rotazione e scrollo delle spalle/tronco. Al Despelote quelli di rotazione e rimbalzo avanti/dietro del bacino (fianchi).
Questo modo di muovere ruotando in circolo su se stessi e contemporaneamente torcendo busto e fianchi possiede un aspetto veramente caratteristico ed ancestrale e si adatta ottimamanete all'impatto ritmico della Timba (mix di son, hip hop/funky, rumba, ritmi folk) che oggi impera nella musica cubana salsa moderna (Bamboleo, Carlos Manuel y su Clan, Manolito y su Trabuco, Paulito fg., Charanga Habanera, Los Van Van).

Balli africani

Ritmi dell'Africa, musica di Cuba: La tradizione vocale e i ritmi dei tamburi, sono parte centrale nelle pratiche religiose e sociali degli africani.
Uno dei musicisti segue un ritmo specifico e unico (la clave) e gli altri fanno una sorta di poliritmo. I poliritmi sono un elemento essenziale nella musica Salsa. Le claves più comuni sono di Son, di Rumba e di Samba; tutte discendenti dalla clave africana.

Il coro pregón è un'altra eredità proveniente dalle cerimonie religiose, dove i canti erano diretti da un leader sociale o religioso.

Il metodo di composizione nella Cuba della seconda metà del XIX secolo, variava a seconda della situazione geografica. Ad Est, la musica passava per accordi semplici, con caratteristiche che erano presenti nella Salsa. La musica dell'Occidente era più europea e gli strumenti ricordavano le orchestre francesi.

Quando Cuba divenne indipendente, quella che prima era una differenza geografica si convertì in una stratificazione sociale nella capitale: la musica europea per le classi alte dei bianche e la musica dell'Est per le classi basse dei neri.

Son

Per tutto il XIX secolo, nei campi dell'Oriente di Cuba si mischiano elementi musicali ispanici e africani, ai quali si aggiunse la musica francese portata dai coloni che fuggivano da Haiti. Verso la fine del secolo, questo mix musicale iniziò ad apparire nelle musicalità dei Trovadores di Santiago de Cuba e La Havana.
Per alcuni musicologi, il Son cubano è come il Blues degli Stati Uniti: una forma semplice e permeata della sua cultura di origine, melodie spagnole marcate da ritmi africani, alternanza di strofe con domande e risposte tra il cantante e il coro, testi semplici che parlano di vita quotidiana.

Rumba

Musica e ballo secolare tipico delle riunioni informali. Tutti i ritmi di questo ritmo hanno il tempo di 4/4. Segue un modello sincopato di cinque colpi in due compas di musica, chiamato Clave de Rumba. Tutte le Rumba presentano un modello di chiamata e risposta tra i cantanti e suonatori di Tamburi. I tipi di Rumba più conosciuti in ordine di rapidità sono: Yambú, Guaguancó, Rumba Columbia e Rumba Abierta.

Timba

Nonostante i cubani rinnegarono il termine Salsa per molto tempo, considerandola un'appropriazione nord americana del Son, qualcosa cominciò a cambiare agli inizi degli anni `80, quando artisti come Elio Reve e Adalberto Alvarez cominciarono ad integrare suoni tipicamenti di Salsa nelle proprie composizioni. Apparse allora NG La Banda. NG (Nueva Generación) prese la Salsa da New York ed aggiunse suoni della banda cubana di latin Jazz Irakere. Per la prima volta artisti cubani utilizzarono il termine Salsa per riferirsi alla loro musica. A dire di Isaac Delgado, uno dei migliori esponenti di questo nuovo stile: "Salsa....de Cuba... ¡Chevere!". Altri artisti di Timba sono Klimax, Manolín el Médico, Bamboleo, Paulito y Manolito, con uno speciale riconoscimento ai Los Van Van di Juan Formell. Timba è anche il termine che si usa nell'espressione "Tiene timba" (ha la timba) in riferimento ad un musicista che ha questo ritmo, swing.

Cos'è il Reggaeton?

E' un inebriante mix di musiche ed uno stile di ballo caraibico passionale e "caldo".Un'esplosiva combinazione di reggae, dance hall jamaicano, hip hop americano, salsa, merengue, bachata e bomba. E' la musica dance ideale per le calde notti d'estate e per i fans dei balli latino – americani.
Il reggaeton, spesso pronunciato con accento spagnolo reggaetón, altre volte presente con la grafia reguetón, è una forma di dance music nata a Porto Rico e a Panamá verso la fine degli anni ottanta e diventata popolare tra i giovani latino-americani all'inizio degli anni novanta, quindi diffusasi tra il pubblico del Nord America, dell'Europa, dell'Asia e dell'Australia durante i primi anni del XXI secolo.

Reggaeton, è una variante del raggamuffin, che a sua volta deriva dal Reggae e Hip Hop. La particolarità di questo stile musicale sono nella sua testi, cantato in spagnolo, e l'influenza di altri stili Latino, come la pompa e la salsa.

Come per l'American c'è l' Hip hop, il primo pubblico a cui si dirige il Reggaeton sono i giovani. In Puerto Rico, i giovani sono incoraggiati a creare, dopo aver ascoltato rap in spagnolo artisti che hanno cantato diverse Panamanians, aggiungendo poi un po' di ritmo della pompa e di salsa.

Reggaeton è stato, inizialmente, ben noto a Panama e, soprattutto, Puerto Rico, ma questa popolarità è cresciuta anche in altri paesi come la Repubblica Dominicana, Perù, Venezuela, Colombia, Messico, Panama, Nicaragua e in alcune regioni di Cuba. Negli ultimi tempi, è apparso negli Stati Uniti, in particolare in aree urbane, come New York e Miami, dove ci sono grandi concentrazioni di Latinos.

Attualmente, il Reggaeton è noto a quasi tutti i paesi di lingua spagnola, tra cui, naturalmente, la Spagna, in cui la musica è entrata nel mercato con grande forza, fondendosi con il flamenco.

Attualmente Tego Calderón, Don Omar e Daddy Yankee sono alcuni dei più grandi esponenti del Reggaeton, ma l'esplosiva crescita di popolarità di questo genere promette di portare molti artisti.

La bachata

La bachata, il merengue, la salsa nascono come momento di socializzazione con il sorriso sulle labbra e la voglia di stare insieme.

La bachata, come la salsa e il merengue, sono balli che in Italia si è voluto stravolgere per una necessità di megalomania e fanatismo da parte di alcuni insegnanti di ballo, italiani, che hanno trasformato questo ritmo in una sequela di figure stonate che nulla hanno a che vedere con i balli dei Caraibi.Volete la prova? Andate a Cuba per la salsa o a Santo Domingo per la bachata, non riconoscerete la danza ginnastica e le figure che normalmente vedete in Italia.

La bachata è nata a Santo Domingo nei primi anni del ventesimo secolo (1900-1930), fra la povera gente e negli ambienti della prostituzione, come danze liberatrici e per spezzare i ritmi duri della vita fatta di miseria e duro lavoro. Anche i testi della bachata riflettevano storie vere, storie vissute tra le baracche dei quartieri poveri, molti raccontavano storie a contenuto amoroso e sessuale. La musica veniva accompagnata da maracas e chitarra a tre corde, o di fisarmonica e guiro. La bachata era anche usata come serenata.

La particolare movenza della bachata appariva oscena e volgare: i corpi dell'uomo e della donna rimanevano infatti molto stretti ed in contatto continuo per tutta la durata del brano, tranne rarissime eccezioni. In tale posizione, la coppia si muoveva dondolando, marcando il quarto battito di ogni battuta musicale con equivoci colpi d'anca. Nella bachata delle origini non esistevano tante figure: si doveva stare abbracciati, perchè proprio quello voleva il ballo. Per questo motivo, la danza era invisa alla borghesia, ed era osteggiata dalle autorità. Per diversi decenni, la bachata, snobbata dalle classi dominanti e medio-alte, è riuscita a sopravvivere nelle usanze del popolo basso, che comunque vi percepiva una naturale facilità/possibilità di identificazione. Il ritmo romantico di tale musica e le connesse figure di danza conquistavano inevitabilmente le persone abituate a vivere di stenti e di speranze. L'amore, forse, serve più ai poveri che ai ricchi, non fosse altro che per la sua capacità di lenire i dolori.

La bachata non sarebbe diventata famosa se non fosse stata scoperta e rilanciata da grandi musicisti ed interpreti. La storia, nel bene e nel male, è fatta sempre da quelli che contano. Juan Luis Guerra intuì la dolcezza di questo genere musicale e gli dedicò un album: Bachata Rosa. Attraverso la sua mirabile maestria applicata a melodie delicatissime, il mondo ha scoperto la bachata. In verità, a partire dagli anni 80, i media dominicani avevano riportato alla luce, in una cornice di positiva rivalutazione, questa tradizione popolare che veniva da lontano. Tanto che molti cantanti e gruppi dominicani se ne fecero interpreti nelle loro tournèe inter-regionali (Rodriguez, Segura, Vargas, Santos, Rosendo, Bueno). Ma musica e danza restavano un fenomeno interno. Fù J. L. Guerra ad introdurre la bachata nei circuiti internazionali.

C'è da dire che la bachata è sostanzialmente un ballo a ritmo lento, molto simile al ritmo del bolero cubano. Si riscontrano mix di vari elementi musicali tipici del beguine, danzòn e son. Giunto in Europa, si sono susseguite evoluzioni ritmiche con notevoli velocizzazioni dei brani allontanando sensibilmente la bachata dal tipico ed inconfondibile ritmo sdolcinato.

La bachata si differenzia rispetto ai ritmi veloci di mambo, salsa e merengue, si identifica con l'aspetto malinconico e triste della cultura caraibica, perchè le storie di vita e d'amore possono anche essere storie tristi. La bachata, anche negli arrangiamenti e negli adattamenti moderni, più vicini alla nostra sensibilità, ha mantenuto quasi sempre il contenuto amoroso, lungo la duplice direttrice di sesso e sentimento.

Yuliana Arbelaez Cardona

Rebirther professionista presso SFERE.

Vuoi diventare un autore di Erba Sacra?

Sei un esperto o uno studioso di materie spirituali, naturopatiche, esoteriche, psicologiche, creative che si richiamano a una visione olistica dell’esistenza? Condividi motivazioni e obiettivi di Erba Sacra? Se vuoi proporre articoli o pubblicare un tuo ebook, contattaci